​Ho iniziato a meditare grazie ad un libro

Era l’estate del 1993, settembre, e da un pò di tempo avevo iniziato un percorso di crescita personale che mi aveva portato a leggere alcuni libri sull’autorealizzazione, sull’illuminazione, sullo sviluppo del sé, sulle vite dei santi, sulla ricerca spirituale e così via. Cercavo la felicità, quella vera, autentica. La cercavo tra i libri nelle librerie e mi lasciavo guidare dal mio cuore, dal mio sentire: sceglievo i libri che in qualche modo mi ispiravano; internet non era ancora così diffuso.

Così un sabato pomeriggio, finito di leggere “Autobiografica di uno Yogi”, ancora sotto il fascino del misticismo, mi recai in centro e trovai una bancarella che vendeva libri. Era una di quelle bancarelle itineranti che giravano di paese in paese. Chiesi al signore che la gestiva se aveva un libro, un libro sulle filosofie orientali. Ci pensò un attimo e poi mi disse: “Ho questo sulla Meditazione Trascendentale”. Non avevo idea di cosa fosse.

Scrutai per bene il libro: sulla copertina c’era la foto di una donna in posizione di loto, era scritto a grandi lettere ed aveva un centinaio di pagine; mi dava l’idea di essere molto facile, veloce da leggere, costava poco e sulla copertina riportava: “… il software della vita nella felicità, nella salute, nel successo e nella realizzazione”. Mi sembrava interessante, così pensai: “Si dai, lo prendo almeno stasera ho qualcosa da leggere”. 

E così proprio quel libro, così sottile, semplice e a prima vista innocuo cambiò completamente la mia vita: le diede una direzione nuova e sorprendentemente inaspettata. Lo lessi tutto d’un fiato, e mano a mano che lo leggevo dentro di me nasceva e cresceva il sentimento: “…questo è ciò che ho sempre cercato nella vita, finalmente l’ho trovato…” e fissai un appuntamento per una introduttiva.

Conobbi così quella che sarebbe poi diventata la mia insegnante di Meditazione Trascendentale, Licia Mastella e suo marito Andrea; una coppia di insegnanti straordinari. Con il tempo diventammo anche amici, buoni amici e, chi lo avrebbe mai detto, anche compagni di molte avventure. 

Nell’ottobre del 1993 cominciai così a praticare la Meditazione Trascendentale e a scoprirne i benefici in prima persona. Il mio entusiasmo fu tale che volli apprendere subito le Sidhi nell’estate del 1994. Per partecipare al corso, vendetti la mia macchina: una Citroen 2CV modello Charleston.   

Dopo la MT e il corso avanzato MT Sidhi, arrivarono le tecniche avanzate, i corsi sull’Ayurveda, quelli sullo Sthapatyaveda, le consultazioni Jyotish, i Gurupurnima a Vlodrop, i concerti di Gandharvaveda, il “Partito della Legge Naturale”, i corsi via satellite della MIU, i viaggi in India e tanti, tanti nuovi amici e persone di tutte le età e di tutte le nazionalità, di tutte le religioni con tante storie diverse, racconti unici ma tutte unite da un unico grande interesse: conoscere se stessi, realizzare se stessi.

Nel frattempo, in campo professionale, lavoravo come consulente informatico per una società di Torino che mi faceva viaggiare in lungo e in largo per tutta l’Italia e a volte anche all’estero. In uno di questi viaggi, mi fu assegnato un progetto a Trieste presso un’importante azienda farmaceutica. Il progetto durò per più di 3 anni. Fu un periodo della mia vita molto felice.

Trieste è una città di mare, splendida, circondata da montagne, dove nasce e soffia la Bora e le persone sono di mente aperta, amichevoli, “coccole” ed amano godersi la vita. Alloggiare poi al Savoia Excelsior Palace hotel, con vista sul mare a due passi da Piazza Unità d’Italia, mi faceva sentire come fossi in vacanza! 

In azienda conobbi diverse persone e un giorno parlando del più e del meno ebbi l’occasione di raccontare ad una di loro, Laura, come mi trovavo bene praticando la Meditazione Trascendentale. Lei incuriosita, mi chiese alcune informazioni. Io le prestai il mio libro sulla Meditazione Trascendentale, quello che mi aveva portato a scoprire questa tecnica. 

Dopo qualche giorno mi telefonò e mi disse: “Ma tu Chiara, mi dai un libro da leggere così che io possa rilassarmi un pò la sera dopo il lavoro, ed io cosa ci trovo? L’intervista al titolare dell’azienda per la quale lavoro! Il dott. Kropf!”. “No, non ci posso credere! “, le risposi. “Si, è vero!” mi disse e scoppiammo a ridere per la coincidenza che aveva dell’incredibile! Qualche mese più tardi, Laura iniziò a meditare.  

Non avrei mai pensato che molti anni più tardi quello stesso libro che mi aveva portato alla Meditazione Trascendentale sarebbe diventato un punto di giunzione tra il passato e il futuro. In quel libro, venti anni prima, leggevo l’esperienza di un vicepresidente di un’importante azienda farmaceutica italiana che praticava la Meditazione Trascendentale. Venti anni dopo me lo sarei dimenticata, ma Laura me lo fece riscoprire. Allora non avrei mai potuto immaginare che la vita mi avrebbe portato un giorno a conoscere questo imprenditore illuminato, e con lui la sua famiglia e i suoi figli che praticavano da anni la MT. 

Era la prima azienda, in tanti anni di lavoro, dove incontravo qualcuno che conosceva l’Ayurveda, la Meditazione Trascendentale e la praticava. Ero felicemente sorpresa. Ma il destino aveva in serbo una sorpresa ancora più grande, ma ancora non lo sapevo. Finito il progetto a Trieste andai sul lago d’Iseo per intraprendere un nuovo percorso professionale che nel giro di qualche anno mi portò a cogliere l’opportunità di realizzare uno dei miei due più grandi desideri: insegnare la Meditazione Trascendentale. 

Fu così che a fine estate del 2017 partii per la Thailandia insieme ad un affiatato gruppo di altri 7 italiani per frequentare il corso TTC, un corso di sei mesi per diventare insegnante di Meditazione Trascendentale. Loro sono: Maurizia, Valentina, Sandy, Patrizia, Flavio, Luca e Francesco. Eravamo un bel gruppo, uniti e affiatati, e insieme a loro ho trascorso uno splendido periodo di formazione, un periodo indimenticabile della mia vita, un periodo dove nuove amicizie e nuovi legami si formarono. 

In uno di quei giorni, trascorsi a studiare e meditare, nacque in me un desiderio, un grande desiderio: portare la meditazione alle aziende. Pensai agli amici di Trieste e all’azienda farmaceutica. Così di ritorno dal TTC, contattai l’azienda e con l’Associazione di Meditazione Trascendentale Maharishi presentai il progetto “Lavoro Senza Stress” che vede l’inserimento in azienda della tecnica di Meditazione Trascendentale come strumento per la gestione dello stress lavoro correlato e lo sviluppo del pieno potenziale della risorsa umana.  

Ci vollero diversi mesi perché si potesse realizzare, ma alla fine divenne una realtà, una splendida realtà. Una realtà dove nuove generazioni di manager illuminati, che hanno a cuore il benessere dei loro collaboratori, hanno scelto di condividere uno strumento di gestione dello stress che si è rivelato essere estremamente pratico ed efficace.

I giorni del corso sono stati un momento speciale per tutti

Al progetto hanno partecipato gli insegnanti: Giulia Casarosa, Maurizia Concas, Flavio Amendola e Luca Fonsatti. Avevamo gli occhi puntati di tutta l’associazione nazionale e internazionale per l’importanza del progetto (è un progetto pilota per l’elevato numero di partecipanti) e perché eravamo un gruppo di giovani insegnanti. 

In quei bellissimi giorni grande sostegno ce l'hanno dato Gabriele Fancello e Patrizia Tessarin e tutta l'Associazione Meditazioine Trascendentale Maharishi. Grande partecipazione è arrivata anche dalla proprietà e dalla dirigenza dell’azienda. In quei giorni abbiamo trasformato l’atmosfera dell’azienda e di Trieste. 

Le persone erano sorridenti, gioiose e molto curiose. La loro curiosità cresceva di giorno in giorno e la loro voglia di imparare e sapere aumentava mano a mano che ricevevano maggiore conoscenza. E’ stato una gioia insegnare loro a trascendere.

Il progetto è stato un successo: si è sviluppato con grande facilità, serenità e i giovani insegnanti hanno dimostrato una grande professionalità apprezzata da tutti i partecipanti. Le persone che vi hanno partecipato dimostrano ancora oggi un grande entusiasmo  nella pratica della MT ed ora hanno il grande desiderio di poter praticare la MT quotidianamente in gruppo in azienda. Sentono che meditare in gruppo fa la differenza.

Così dal maggio del 2019 a Trieste esiste un’azienda dove il 70% dei suoi dipendenti pratica la Meditazione Trascendentale…e questo perché, un giorno di 27 anni fa, qualcosa spinse qualcuno a comprare un libro dal titolo “Tecnica di Meditazione Trascendentale di MaharishiIl software della vita nella felicità, nella salute, nel successo e nella realizzazione”. 

Testimonianze di dirigenti e dipendenti

“Le persone non sanno che cosa sia o pensano che sia qualcosa di strano, di bizzarro, ma non lo è affatto. Tra i tanti motivi che mi hanno spinto a portare la Meditazione Trascendentale in azienda c’è la volontà di condividere la conoscenza di uno strumento facile ed efficace che permette di stare meglio, di essere più efficienti e di riuscire a fare le cose con un approccio diverso da quello che normalmente, magari la quotidianità, spinge a fare.” 

Dott. Massimiliano Kropf - Amministratore delegato

"Direi che la cosa piu importande come esperieza è stato trovare il tempo da dedicare a se stessi. All'inizio trovare quei venti minuti la mattina e la sera è stata la cosa più difficile. Poi i risultati sono stati che in quei venti minuti stai con te stesso, ti rilassa la mente il corpo, ti ricarichi. Quei venti minuti ti ritornano con gli interessi come si suol dire." 

Dott. Gabriele D'addabbo - Direttore vendite farmacie

Testimonianze

Scopri cosa dicono le persone di successo che praticano la MT

Leggi tra le varie testimonianze di produttori, attori, cantanti, conduttori televisivi ma anche di ministri e presidenti di nazioni che portano la loro testimonianza positiva sulla pratica della Meditazione Trascendentale.
Raquel Zimmerman
Supermodella
Martin Scorcese
Regista e produttore cinematografico
Rupert Murdoch
Editore, imprenditore e produttore televisivo
Dr. Oz
Chirurgo
Paul McCartney
Cantautore e produttore discografico

Hai 1 ora per scoprire come tutto possa cambiare?

Trova il Centro più Vicino

Il primo passo per imparare la Meditazione Trascendentale è semplicemente quello di

partecipare a una conferenza introduttiva gratuita. Le conferenze vengono organizzate in tutt'Italia su base regolare.

Durante queste conferenze scoprirai come funziona effettivamente la tecnica della Meditazione Trascendentale e quali sono i passi per impararla. Troverai anche risposta alle tue domande a riguardo, e tutte le informazioni utili per poter accedere al vero e proprio apprendimento della tecnica.

Per l'Individuo


* Disconoscimento: non si dovrebbe mai interrompere un trattamento convenzionale senza consultare il proprio medico. Inoltre, nessun risultato può essere garantito in quanto i singoli risultati possono variare. Ad esempio, la regolarità nella pratica della MT, dopo aver frequentato il corso di apprendimento, influenza gli effetti.

© Associazione Meditazione Trascendentale Maharishi (AMTM).
Sede legale: viale dell’Industria 45 – 37042 Caldiero (VR) - Sede operativa: Vocabolo Pianatonda 117 – 05023 Baschi (TR).

Privacy & Cookies - Credits